CONTO TERMICO-contributo statale per incentivare impianti a energia rinnovabile

giu
26

STRANO MA VERO!!! CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO

 

EROGAZIONE in BONIFICO BANCARIO ANNUALE DA PARTE DEL GSE,

per la durata dell’ incentivo. 2/ 5 ANNI a seconda i casi

NON è UNA DETRAZIONE FISCALE

 

Il Decreto attuativo è stato emanato dal Ministro dello sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’ambiente e del Ministro dell’Agricoltura, con l’intesa della Conferenza unificata Stato-Regioni. Per la prima volta in Italia si assegna un incentivo specifico alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili e nello specifico da biomasse, da solare termico, da pompe di calore. Il provvedimento inoltre prevede incentivi per interventi di efficienza energetica ma in questo caso solo per edifici pubblici.

COSA INCENTIVA ?

La Realizzazione di impianti di climatizzazione invernale e/o produzione di ACS o SolarCooling (impianti completi ed a norma) le spese ammissibili devono riguardare almeno l’insieme di: installazione + fornitura, ed eventuale progettazione, ed analisi energetica ‘ed opere accessorie
NON si accede all’incentivo per la sola FORNITURA

QUANTO E’ LA CIFRA CHE VIENE CONCESSA ?

Non vi è una percentuale in base al costo dell’impianto (tranne per pompe di calore per a ACS)
È una tantum sull’impianto completo calcolato sulla Potenza (mq per i pannelli solari) dell’impianto sulla Qualità del prodotto (generatore termico) installato (per Certificazioni minime, per Efficienza (rendimenti) ed emissioni in atmosfera Riferito alla zona climatica (tranne per pompe di calore per a ACS e per i pannelli

COSA E’ INCENTIVABILE ?

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA (ma solo per edifici pubblici)
–isolamento termico
–sostituzione degli infissi
•PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA DA FONTI RINNOVABILI ED AD ALTA EFFICIENZA (Vale per tutti enti pubblici, persone fiche, condomini, persone giuridiche)
•BIOMASSE (legna, pellet, cippato, altro)
•SOLARE TERMICO (pannelli solari piani e sottovuoto anche per applicazioni di Solarcooling)
•POMPE DI CALORE

QUALI EDIFICI ?

Edifici privati esistenti quali ad esempio:
appartamenti, case, villette, condomini, laboratori, fabbriche, ristoranti, piscine, alberghi, fabbricati rurali , comprese le pertinenze.
Tutti gli edifici devono essere iscritti al catasto oppure ne sia stata presentata la richiesta di iscrizione.
• Edifici pubblici esistenti, ad esempio: municipi, scuole, case di riposo, palestre e piscine pubbliche, edifici residenziali destinati all’edilizia popolare, ospedali, caserme, teatri e luoghi di spettacolo, ecc
• serre esistenti agricole
• Ristrutturazioni totali, per la quota che eccede gli attuali obblighi di legge (non obbligatoria)
Le nuove costruzioni per la quota che eccede gli attuali obblighi di legge (non obbligatoria) VALE SOLO PER IL SOLARE TERMICO o per tutto ma solo per aziende agricole privi d’impianti

 

INFORMATIVA BREVE SULL’USO DEI COOKIE

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti per offrire la migliore esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accedendo a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Per ulteriori informazioni e su come disabilitare i cookie, visita la nostra pagina sull’informativa estesa.

INFORMATIVA ESTESA

×